Come RIAA e Silvio Berlusconi intendono affossare il P2P

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze In quello che suona come uno sviluppo inatteso quanto pericoloso della perdurante guerra dell’industria contro gli utenti del P2P, venerdì scorso il Wall Street Journal ha riportato che RIAA, dopo anni di intimidazioni, errori, storture e abusi del sistema giudiziario statunitense vuole ora cambiare strategia, abbandonando la sua campagna di cause legali di massa per concentrarsi sul “next level”, il prossimo livello del piano preordinato con cui le major vorrebbero sopravvivere al progresso tecnologico mantenendo in eterno i privilegi di un passato (è bene che se lo ficchino bene in mente tutti) che non tornerà mai più.

» Read more

Il momento nero di RIAA tra class action e testimoni eccellenti

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal WebChe la crociata legale dei discografici statunitensi contro il P2P non abbia sin qui ottenuto alcun risultato pratico è un dato di fatto difficile da confutare. Non bastasse questo per RIAA, la ben nota organizzazione delle grandi etichette e la più attiva nella strenua difesa del copyright a costo di denunciare reiteratamente i morti e gli innocenti, si preparano avventure giudiziarie da far tremare i polsi agli avvocati dell’industria, potenzialmente in grado di seppellire la massiccia campagna di cause sotto accuse di incostituzionalità, cospirazione, abusi, frode e altro ancora.

» Read more

Rapporto EFF: la crociata legale di RIAA perde credibilità

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal WebDopo cinque anni di minacce legali contro decine di migliaia di consumatori di musica americani, tutto quello che rimane nelle mani di RIAA, l’organizzazione delle etichette discografiche USA, è un pugno di mosche o poco più: da qualsiasi punto di vista si guardi la questione, sostiene la Electronic Frontier Foundation, le major hanno perso la scommessa di ristabilire il controllo sulla distribuzione dei contenuti digitali riuscendo nel mentre a inimicarsi un gran numero di potenziali consumatori, ben felici di non dare un solo centesimo a chi li tratta come “pirati” pericolosi per il business, gli artisti, la musica e il mondo intero.

» Read more

Link & Segnalazioni # 2: furbacchioni atomici, principi, cyberwar e il futuro secondo Mozilla

Babel fish - Un'interfaccia mentale tra la sensibilità di Sir Arthur e gli avvenimenti del mondo esterno. E anche tutto il resto Well, devo dire che un agosto così ricco di eventi e notizie e tutto il resto non me lo ricordavo da tempo. Quindi o sono io ad avere scarsa memoria o è l’ennesimo tiro mancino dell’enorme, implacabile meccanismo della casualità, che ha condensato in pochi giorni tante di quelle cose interessanti che sto seriamente pensando di chiudere il blog per “eccesso” di spunti contenutistici 😛

» Read more