Videogame highlights – gennaio 2017

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze La prima volta che ho giocato ad Half-Life 2 ero più giovane di dodici, forse tredici anni, e come molti altri nella mia condizione (un PC non proprio super-potente, una ADSL non esattamente velocissima) accolsi con emozioni contrastanti il pacchetto preparato da Valve: Steam era e continua a essere una merda insopportabile, HL2 rappresenta una delle esperienze videoludiche più importanti della mia vita. Siamo nel 2017 e ancora si parla di un possibile seguito per quell’esperienza, con Valve che ha sprecato tutto questo tempo in esperimenti contro natura e Gabe Newell che continua a trollare il mondo intero con i suoi “Yep” privi di senso. Personalmente sarei anche stufo, di sentir parlare di Half-Life 3. E ora scusate ma vado a reinstallare HL2 per la quindicesima volta…

Alone With You

Alone With You

In un mondo in cui le avventure grafiche “pure” sono praticamente diventate appannaggio esclusivo degli sviluppatori indie, non è così raro imbattersi in titoli che sperimentano con emozioni e scenari che non prevedono il classico lieto fine: il protagonista di Alone With You è l’ultimo sopravvissuto di una colonia spaziale in rovina, di giorno va alla ricerca di indizi e risolve puzzle mentre di notte esplora la storia della colonia in compagnia di ologrammi che devono accettare il loro triste destino. Disponibile da febbraio su PC e PS4/PS Vita.

Call of Cthulhu: The Official Video Game

Call of Cthulhu: The Official Video Game

Non è morto ciò che può vivere in eterno, e anche un progetto videoludico a tema lovecraftiano che sembrava defunto può tornare a nuova vita grazie alle cure di Cyanide: lo studio francese è attualmente impegnato nello sviluppo di Call of Cthulhu: The Official Video Game, titolo che si ispira all’omonimo capolavoro di narrativa breve del mio scrittore preferito ma ancor di più al gioco di ruolo cartaceo uscito nel 1981. Il protagonista, l’investigatore Edward Pierce, dovrà fare i conti con i cultisti e i tentacoli dei Grandi Antichi in un setup RPG con elementi stealth. In uscita nel quarto trimestre del 2017 su PC e console.

Has-Been Heroes

Has-Been Heroes

Messi da parte i fasti della serie Trine, Frozenbyte sembra ora interessata allo sviluppo di progetti meno impegnativi come Has-Been Heroes: il nuovo lavoro dello studio finlandese è un gioco d’azione con elementi da roguelike, ambientato in un mondo fantasy in cui gli eroi tornano dalla pensione per portare a termine un’ultima missione piena di botte, esplosioni e confronti con orde di avversari da abbattere tramite un mix di strategia a turni e in tempo reale. Disponibile da marzo su PC Windows e console.

Husk

Husk

La prospettiva di Husk è in prima persona, ma gli sviluppatori di questo nuovo survival horror dicono di rifarsi espressamente ai classici in terza persona del genere e a Silent Hill in particolare. A non cambiare è la necessità di affrontare esseri mostruosi e incubi personali, andandosene in giro in una amena cittadina americana con un nome ridicolo (Shivercliff) alla ricerca dei propri cari dopo un incidente in treno. Disponibile da febbraio su PC.

Super Mario Odyssey

Super Mario Odyssey

Ogni nuova console Nintendo ha bisogno di un Super Mario, e anche Switch verrà presto dotata di questo indispensabile prerequisito grazie all’arrivo di Super Mario Odyssey: l’ultima avventura dell’idraulico baffuto dalla nazionalità incerta (italo-giapponese? nippo-italiano?) torna a essere un’esperienza “open world” sul genere di Super Mario 64, ha detto Nintendo, e non mancheranno le escursioni in scenari ispirati al mondo reale accanto ai soliti mondi fantastici dove i funghetti o si fumano o si schiacciano senza pietà. In arrivo esclusivamente su Nintendo Switch a ottobre.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild

The Legend of Zelda: Breath of the Wild

Diversamente da Super Mario, la saga di Link+Zelda è stata scelta da Nintendo per accompagnare il lancio della console Switch. Requisiti di storage a parte, il lancio è perfettamente riuscito e The Legend of Zelda: Breath of the Wild ha conquistato milioni di giocatori con i suoi angoli bucolici, le possibilità di interazione con lo scenario open world e tutto quanto. Uno dei migliori videogiochi di tutti i tempi (a detta della critica) è disponibile in esclusiva per console Switch e Wii U dal 3 marzo.

Read this post in English

Post simili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *