Videogame highlights - marzo 2015

1 Aprile 2015 · Archiviato in Approfondimenti, Videogaming 
Questo articolo è parte della serie Videogame Highlights

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze Negli anni passati, quando ancora esistevano le sale giochi, di esperienze ludiche “immersive” ne ho provata più di una tra mega-schermi, light gun e simulazioni varie. Una cosa carina ma niente di che. Personalmente non me ne potrebbe fregare di meno di questa nuova mania dei caschetti per la realtà virtuale, simulazioni oltre il limite dell’idiozia e nuove soluzioni tecniche per non farti venire la nausea mentre sei nel virtua-mondo. Nemmeno Half-Life potrebbe convincermi: io non voglio stupide e vomitevoli simulazioni immersive, voglio storie. Magari un nuovo Loom, ora che l’originale è stato re-distribuito in versione digitale su GOG.com.

Ori and the Blind Forest

Ori and the Blind Forest

Ori, lo spirito guardiano protagonista di Ori and the Blind Forest, deve affrontare mille pericoli per ripristinare gli elementi della foresta. Non bastassero i puzzle, l’ambiente e le creature ostili, ci pensa Kuro il gigantesco gufo femmina a prendere costantemente di mira l’esserino bianco. Dalla parte di Ori ci sarà Sein, un altro spirito in grado di attaccare i nemici e contemporaneamente guidare Ori nella sua missione ristoratrice. Platform adventure 2D fluido e graficamente lussureggiante che ha richiesto quattro anni di lavoro, Ori and the Blind Forest è disponibile come download digitale da marzo su PC Windows e Xbox One. Una versione per Xbox 360 è attesa entro l’anno.

OXENFREE

OXENFREE

Nato per iniziativa di un gruppo di sviluppatori provenienti da Telltale e Disney, OXENFREE è un “thriller soprannaturale per teenager” che ha l’aspetto di un platform 2D e il gameplay di un’avventura dove i balloon dei dialoghi svolazzano sulle teste dei protagonisti. Un gruppo di ragazzi vuole passare una serata su una spiaggia deserta, ma il mistero è dietro l’angolo con tanto di installazioni militari abbandonate, oscure presenze dagli scintillanti occhi cremisi e segnali radio disturbati provenienti da chissà dove. In uscita su PC, e forse su altre piattaforme, entro la fine dell’anno.

Serpent in the Staglands

Serpent in the Staglands

Ambientato in un mondo fermo all’età del bronzo con un paesaggio transilvano, Serpent in the Staglands intende sfruttare il revival dei giochi di ruolo per computer proponendo un’esperienza ispirata ai classici del genere. Classico, in questo caso, vuol dire combattimento in tempo reale con possibilità di mettere in pausa per prendere le opportune decisioni tattiche, un sistema senza classi dove il giocatore è libero di costruirsi le build di personaggio che preferisce, diario con note manuali, mostri di ogni sorta e via elencando. Serpent in the Staglands uscirà a maggio, forse, su PC.

Trine 3: The Artifacts of Power

Trine 3: The Artifacts of Power

Il fantasy incantato e gli artefatti pericolosi stanno per tornare in Trine 3: The artifacts of Power, nuovo capitolo della fortunata serie di Frozenbyte che per l’occasione aggiunge una prospettiva tridimensionale al gameplay da puzzle-platformer 2D che contraddistingueva i primi due giochi. Inalterati i tre protagonisti, così come resta inalterata la necessità di cooperare per superare più agilmente gli ostacoli nelle partite multiplayer. Trine 3 uscirà su PC Windows entro la fine dell’anno.

Trine 3: The artifacts of Power - screenshot 1 Trine 3: The artifacts of Power - screenshot 2 Trine 3: The artifacts of Power - screenshot 3

Trine 3: The artifacts of Power - screenshot 4 Trine 3: The artifacts of Power - screenshot 5

White Night

White Night

Una villa abbandonata, inquietanti presenze trapassate e solo qualche fiammifero a separare il bianco dal nero, cosa potrà mai andare storto… White Night è parte survival horror e parte avventura noir ambientata negli anni ‘30 dove non esistono i grigi intermedi, un gioco dalle inquadrature cinematografiche dove il protagonista dovrà risolvere i puzzle e risparmiare i fiammiferi per scoprire la verità celata nella villa maledetta. O nella maledetta villa, fate voi. White Night è disponibile da marzo come download digitale per PC (Windows, Linux) e Mac.

Wolfenstein: The Old Blood

Wolfenstein: The Old Blood

Gli sviluppatori svedesi di MachineGames ci hanno preso parecchio gusto con la serie Wolfenstein, e dopo l’acclamato Wolfenstein: The New Order sono ora quasi pronti a narrare una nuova sanguinolenta avventura di B.J. Blazkowicz in Wolfenstein: The Old Blood. Il vecchio soldato ammazza-nazi sarà quindi protagonista di un prequel alla storia di The New Order, ambientato nella Germania del 1946 prima che il Reich vincesse la Seconda Guerra Mondiale e conquistasse il mondo. Il nuovo FPS è diviso in due parti distinte, includerà nuovi nemici e nuove armi e rispetterà la formula che già ha funzionato egregiamente nel primo gioco. In uscita a maggio a prezzo modico su PC Windows, PS4 e Xbox One.

Read this post in English

Sfoglia la serie«Videogame highlights - febbraio 2015Videogame highlights - aprile 2015»
Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

4 Risposte a “Videogame highlights - marzo 2015”

  1. Emanuele il 2 Aprile 2015 22:09

    OXENFREE mi attira parecchio a giudicare dal trailer

    Trine 3 invece mi era totalmente sfuggito, ottima notizia :D


    Browser Google Chrome 43.0.2327.5 Google Chrome 43.0.2327.5 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; WOW64) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/43.0.2327.5 Safari/537.36 OPR/30.0.1820.0 (Edition developer)
  2. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 3 Aprile 2015 00:56

    Eh, io al momento giocherei più a Ori, se avessi un hardware un pò meno schifoso e tanto per cambiare la solita routine dei weekend dedicati a Diablo III…


    Browser Firefox 28.0 Firefox 28.0 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.0; rv:28.0) Gecko/20100101 Firefox/28.0
  3. Emanuele il 4 Aprile 2015 11:41

    Personalmente non me ne potrebbe fregare di meno di questa nuova mania dei caschetti per la realtà virtuale, simulazioni oltre il limite dell’idiozia e nuove soluzioni tecniche per non farti venire la nausea mentre sei nel virtua-mondo

    http://digitalcybercherries.com/

    insomma… parliamone :P … io dopo aver visto il video non sarei più così tanto integralista eh XD


    Browser Opera 9.80 Opera 9.80 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Opera/9.80 (Windows NT 6.1) Presto/2.12.388 Version/12.17
  4. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 4 Aprile 2015 16:44

    Si, carina la sala giochi in VR, ma niente di che. Comunque non ci spenderei tutti i soldi necessari a investire su questo genere di trucchi, visto che ci vuole un Core i7, una GeForce Titan e un caschetto per l’esperienza presunta-immersiva.

    Io continuo a credere che la realtà-virtuale-futuro-dei-videogiochi sia esattamente la stessa cosa dei tablet-futuro-dei-computer. Una cazzata. E l’hype sulle cazzate è una perdita di tempo, per me.


    Browser Firefox 28.0 Firefox 28.0 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.0; rv:28.0) Gecko/20100101 Firefox/28.0

Lascia una risposta