Come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare Inoreader

16 Gennaio 2015 · Archiviato in Approfondimenti, Networking 

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze Si, è il 2015 e io sto ancora qui a parlare di lettori di feed, del servizio ideale per sostituire il mai troppo compianto Google Reader e della inaffidabilità delle grandi corporation quando si tratta di affidargli una cosa così importante, così intima come la tua personale fetta di Web che consulti tutti i giorni, molte volte al giorno, un articolo alla volta. Questo è un post di aggiornamento in merito alla mia personale “quest” alla caccia del feed reader perfetto, una ricerca che in realtà è già finita da mesi con l’adozione in pianta stabile di Inoreader.

Inoreader è nato come un progetto proof-of-concept pensato per fornire la stessa esperienza di lettura di Google Reader, ora gli sviluppatori ne parlano come di “una piattaforma di distribuzione di contenuti” con svariate funzionalità aggiuntive ma quello che conta per me è che le premesse base del servizio sono rimaste intatte: fluidità, performance e praticità d’uso nella navigazione dei feed sono quanto di più vicino a Reader la mia memoria mi permetta di ricordare, e Innologica, la società nata per supportare il servizio, non ha l’obiettivo megalomane di conquistare il mondo come il sempre mai troppo odiato moloch Google Inc.

Inoreader è “semplicemente” un feed reader, e già nella versione base (gratuita) ha tutto quello che considero fondamentale in un tool del genere: è accessibile da browser, ti permette di aprire un account indipendente lontano da qualsivoglia social network, offre un buon numero di opzioni di personalizzazione, non ha limiti al numero di feed sottoscritti e soprattutto ti da la possibilità di non perderti un singolo articolo da quei feed particolarmente attivi che sparano fuori 50-60 aggiornamenti mentre tu sprechi le tue sette ore d’ordinanza a dormire (es. Reddit).

Inoreader FeedDemon Feedly

Il buono, il client, lo scarto

Si tratta di una caratteristica fondamentale, che non a caso non mi hai mai permesso di affidarmi completamente a un client stand-alone dove di quei 50, 60 nuovi articoli puoi al massimo vederne 20-25 quando riaccendi il PC. Per quanto riguarda l’interfaccia, infine, Inoreader fa molto, molto meglio dell’ultima incarnazione di Google Reader: niente spazio sprecato su inutili design fighetti e alla moda, su Inoreader a contare sono solo i tuoi feed e nessun elemento esterno può disturbare la tua immersione profonda in notizie, approfondimenti, immagini, video e tutte le belle cose in multicolor per cui vale ancora la pena passare il tuo tempo on-line.

Ho anche provato Feedly, come mi ero ripromesso nell’ultimo post sull’argomento, ma l’ho scartato quasi subito perché, diversamente da Inoreader, si tratta di un servizio autoreferenziale costruito attorno a un design e non alle necessità fondamentali dell’utente. Feedly è un degno rappresentante di quel mondo telematico moderno in cui tu conti solo finché ti possono mettere in una bella cornice, un mondo ideale per i niubbi e i boriosi da cui ho intenzione di stare quanto più alla larga è possibile.

Il lettore di feed ideale si consulta on-line, ma dopo aver vissuto il dramma di Google Reader non voglio negarmi l’opzione aggiuntiva di un client software “off-line”: per il momento ho intenzione di continuare a utilizzare FeedDemon, il mio lettore di feed dopo la chiusura di Reader che ora ha soprattutto una funzione di backup. Sperando che l’infrastruttura di Inoreader si conservi sempre scattante ed efficiente come è adesso - piccoli problemi secondari a parte - sul lungo periodo vedrò di tenere d’occhio l’evoluzione e le novità del mercato dei feed reader stand-alone. Google Reader è morto e sepolto, ma i feed reader sono più vivi che mai. Grazie Google, e va a farti fottere nel cloud.

Read this post in English

Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

4 Risposte a “Come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare Inoreader”

  1. Emanuele il 17 Gennaio 2015 11:47

    Ottima scelta ;) … è il reader su cui ho scommesso tutto già alla morte di Greader e, una volta tanto, posso dire di aver fatto la scelta migliore

    Feedly scartato subito proprio per le stesse ragioni, mentre per un client locale non era proprio possibile nel mio caso con oltre 1300 sottoscrizioni :P


    Browser Google Chrome 41.0.2251.0 Google Chrome 41.0.2251.0 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; WOW64) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/41.0.2251.0 Safari/537.36 OPR/28.0.1745.0 (Edition developer)
  2. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 18 Gennaio 2015 11:06

    Eh, immagino - cioè, NON immagino che robe tu possa tenerci dentro 1300 feed, ma ci siamo capiti :-D

    Il client locale ha una sua utilità, anche se lo uso molto poco e in momenti precisi della giornata on-line.


    Browser Firefox 28.0 Firefox 28.0 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.0; rv:28.0) Gecko/20100101 Firefox/28.0
  3. Matteo il 13 Febbraio 2015 13:02

    Ciao e complimenti per l’analisi.

    Dopo GReader ero tornato a Bloglines per pochissimo (che avevo sempre tenuto come riserva) e poi ho scelto Netvibes che uso tuttora e sono soddisfatto.

    Avevo provato InoReader e volevo usarlo per sostituire GR, ma avevo riscontrato molta lentezza nell’aggiornamento dei feed in tempo “reale” e a volte degli scarti vistosi anche nelle 24 ore.

    Sai dirmi se anche adesso ha questo problema?

    Grazie ;)


    Browser Firefox 35.0 Firefox 35.0 sull'O.S. Windows XP Windows XP
    Mozilla/5.0 (Windows NT 5.1; rv:35.0) Gecko/20100101 Firefox/35.0
  4. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 13 Febbraio 2015 15:14

    Ciao.

    Francamente non saprei come risponderti, nel senso che ogni feed reader che ho provato dopo Google Reader (in locale oppure on-line) si è comportato in maniera diversa rispetto alla mia collezione di feed. E’ un pò un terno al lotto, secondo me.

    Secondo la mia esperienza con Inoreader, i feed più attivi tra la mia collezione (un paio di quotidiani italiani, Reddit, siti di videogiochi eccetera) sono aggiornati piuttosto di frequente; se lascio il reader da solo per un’ora mi ritrovo con un centinaio e passa di nuovi articoli da consultare…

    Nel caso, ci sarebbe la possibilità di aumentare manualmente la frequenza di aggiornamento di un feed - fino a 10 diverse sottoscrizioni. All’inizio avevo problemi di aggiornamento con Reddit “/all”, avevo risolto così ma ora tutto sembra funzionare come dovrebbe…


    Browser Firefox 28.0 Firefox 28.0 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.0; rv:28.0) Gecko/20100101 Firefox/28.0

Lascia una risposta