Maggio 1978, alle origini dello spam

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal WebPrima di diventare un fenomeno dalla portata mondiale gestito dalle gang dei peggiori cyber-criminali in circolazione, lo spam era un fastidio circoscritto ai pochi intimi della rete ARPANET. Fu qui, prima che la tecnologia alla base di ARPANET desse vita alla Internet moderna, che 36 anni fa il marketing manager di Digital Equipment Corporation (DEC) Gary Thuerk spedì quella che è ufficialmente riconosciuta come la prima e-mail pubblicitaria di massa della storia.

» Read more

Censurare la “pirateria” del P2P è inutile. E di gran moda

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze L’industria è in guerra contro la “pirateria”, la diffusione e la condivisione on-line non autorizzate dei contenuti digitali, una guerra combattuta usando ogni mezzo possibile e abusando senza freno di propaganda, censura e lobbismo politico. Ma si tratta di una guerra che non serve a niente, e quando le major riescono a inibire l’accesso a siti “pirata” particolarmente popolari come The Pirate Bay il risultato netto è che non cambia assolutamente nulla.

» Read more

Sony vince la nuova guerra delle console. Per il momento

< ![CDATA[

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze Dopo lo scoppiettante inizio dello scorso novembre, la contesa commerciale delle home console di ottava generazione continua ad alimentare la macchina perpetua delle polemiche sulle performance specifiche di ogni macchina, le intenzioni delle tre grandi corporation di settore (Sony, Microsoft, Nintendo) per il futuro e tutto quanto. Diversamente dal recente passato, però, polemiche e speculazioni rappresentano solo il contorno che accompagna la pietanza principale – vale a dire quante unità le nuove console sono capaci di vendere ai clienti ancora disposti a investire il loro denaro nel business videoludico. » Read more