Wallpaper in evidenza: la Terra vista da Lontano

Babel fish - Un'interfaccia mentale tra la sensibilità di Sir Arthur e gli avvenimenti del mondo esterno. E anche tutto il resto Sir Arthur ha un nuovo wallpaper preferito, e anche questa volta si tratta di un’immagine a tema spaziale. Il mio desktop è incasinato come al solito, e almeno finché non mi deciderò a fare una bella pulizia – e a completare i diecimila giochi installati su HD da un tempo oramai remoto – la scelta migliore è rappresentata da un genere di immagini dalle forme eteree e quasi stilizzate, che NASA è sempre premurosa nel fornirmi con regolarità.

Lo scenario dipinto dal nuovo capolavoro di fotografia planetaria è ancora il sistema di Saturno e dei suoi anelli, benché la prospettiva sia molto diversa e diversamente significativa: l’immagine è il risultato composito di una serie di foto scattate dalla sonda Cassini, con la luce del Sole a evidenziare la gassosa rotondità di Saturno e le stelle esterne a fare da sfondo come puntini luminosi. In basso a destra, opportunamente segnalata da una freccia bianca, c’è la Terra con i suoi miliardi di esseri umani a vivere e morire in un ciclo senza alcun senso compiuto che avrà fine tra 4,5 miliardi di anni circa.

Wallpaper Terra & Saturno

Wallpaper Terra & Saturno – download diretto

L’agenzia spaziale statunitense spiega che questa è la terza volta in cui la Terra è stata fotografata dall’esterno nel Sistema Solare, un ritratto che magari non avrà lo stesso afflato poetico del pallido puntino azzurro immortalato da Voyager 1 nondimeno è capace di togliere il fiato: la camera della sonda Cassini ha catturato le tre immagini nei colori rosso, verde e blu che sono state poi combinate per dare origine alla foto in luce naturale a 1,44 miliardi di chilometri di distanza, mentre sul pianeta diversi milioni di esseri bipedi sorridevano per l’occasione. L’immagine è allegata nelle sue dimensioni originali (1920×1080 pixel) adatte ai display con rapporto prospettico di 16:9, mentre sul sito di NASA sono disponibili versioni alternative con proporzioni differenti dagli 800×600 pixel in su.

Read this post in English

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *