RPCS3 emula la PS3 su PC. Più o meno

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal WebLa settima generazione delle home console ha quasi raggiunto la fase conclusiva della sua vita commerciale, una nuova console war si profila all’orizzonte e la scena dell’emulazione partorisce l’ennesimo progetto con un obiettivo “impossibile”, vale a dire la replica in software delle potenti componenti hardware della PlayStation 3 di Sony. Il nuovo emulatore si chiama RPCS3, il team di sviluppo ha grandi ambizioni ma al momento il software non è altro che una shell multi-finestra capace di mostrare ben poco sullo schermo.

RPCS3 è un emulatore/debugger open source scritto in C++ per sistemi operativi Windows, spiegano gli sviluppatori nelle FAQ ufficiali, richiede come requisiti minimi una CPU moderna con supporto alle istruzioni SSE e una GPU compatibile OpenGL 3.3 ed è attualmente in grado di far girare solo piccole applicazioni fatte in casa come l’abbozzo di Tetris che è possibile ammirare nell’immagine allegata a questo post. L’emulatore è nella fase iniziale dello sviluppo, spiegano i programmatori, quindi manca ancora del necessario per far girare i giochi commerciali disponibili su piattaforma PS3.

L’ultima versione ufficiale di RPCS3 (0.0.0.2) risale al giugno del 2012, mentre i lavori sul codice procedono in maniera apparentemente regolare e l’ultima build intermedia – disponibile su EmuCR da poche ore – include migliorie ai decompilatori per Vertex e Fragment Shader, bugfix e l’implementazione di nuove chiamate di sistema per la GCM – una delle due API per il rendering grafico disponibili con l’SDK ufficiale della PS3. Ovviamente tutto questo non ha alcuna importanza da un punto di vista ludico, visto che gli obiettivi finali dell’emulatore (facilitare il lavoro agli sviluppatori e permettere agli utenti di giocare ai giochi PS3 su PC) sono ancora molto lontani nel tempo.

RPCS3 - Tetris

Emulare la PS3 è un obiettivo impossibile, si diceva, considerando la complessità dell’architettura hardware della console Sony di settima generazione, la potenza bruta del processore multi-core Cell e della GPU RSX “Reality Synthesizer” – basata sulla GeForce 7 di NVIDIA – e tenendo conto del fatto che i nuovi giochi distribuiti per la piattaforma sono ancora in grado di offrire (dopo quasi sette anni di presenza sul mercato della console) un livello di raffinatezza tecnica all’altezza delle aspettative degli utenti.

A favore del nuovo, ambizioso progetto giocano il precedente eccellente dell’emulazione fedele della PlayStation 2 tramite PCSX2 – un altro software ad aver raggiunto un obiettivo considerato “impossibile” solo qualche anno fa – e il coinvolgimento, nello sviluppo di RPCS3, di uno dei programmatori (Shadow) che nel 2001 – ad appena un anno dall’uscita della PS2 – diedero origine al summenzionato progetto PCSX2. Replicare la PlayStation 2 su PC ha richiesto parecchi anni di reverse engineering e duro lavoro sul codice, sono aperte le scommesse su quanto tempo occorrerà per fare lo stesso con una console – la PS3 – dotata di un hardware risalente al 2006.

Read this post in English

Post simili:

5 commenti

  • Emanuele

    mah, personalmente questa volta penso che l’obiettivo non sia lontano, bensì impossibile… o meglio: quando potrebbe diventare realistico raggiungerlo ormai non interesserà più a nessuno lavorarci (non giocarci, che è diverso)

    Della generazione passata si può dire che solo la PS2 (Nintendo gioca con hardware depotenziato, non conta 😛 ) ha ottenuto un emulatore decente, e con non pochi problemi e fatica… stavola quanto dovrebbero passare, 30 anni?

    Sarò pessimista ma credo che l’era degli emulatori “per giocare” sia finita… il loro campo penso resterà solo la sfida del reverse enginering e nulla di più

  • Oh uomo di poca fede: in circolazione c’è gente che ancora prova a emulare “correttamente” qualcosa che in teoria non potrebbe essere emulato perché privo di CPU (Pong e compagnia) e che risale ai primi anni ’70, quindi figurati se da qui a 10 anni non ci sarà ancora qualcuno interessato a emulare la PS3 in maniera “fedele” all’hardware originale 😛

    Eppoi la sesta generazione è stata emulata al completo o è in via di completamento (PS2, Dreamcast, Gamecube), quindi i precedenti sono tutti favorevoli.

  • Emanuele

    manca Xbox, Dreamcast lo considero fra i non pervenuti (o per lo meno io son riuscito a farci girare poca roba e spesso con troppi bug), e il GC come detto era meno problematico … il vero successo credo sia stata solo la PS2

    chissà se il tempo mi darà ragione o mi sburgiarderà (non che la cosa mi dispiacerebbe 😛 )

  • Alex

    Ragazzi, la parola impossibile non esiste, esiste solo la parola difficile che è ben diverso.

    È solo questione di tempo.

  • Mao

    Raga, saranno in molti che con pazienza di qualche anno aspetteranno l’emu ps3 come lo è stato per ps2, per ps1 ecc… Non importa il tempo x queste cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *