La triste esperienza della chiusura di Google Reader

29 Luglio 2013 · Archiviato in Approfondimenti, Networking 

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze Le false promesse del cloud computing hanno ucciso Google Reader e anche il sottoscritto ha dovuto, come già molti milioni di utenti, mettersi alla ricerca di una valida alternativa all’ex-lettore di feed più popolare al mondo. La verità è che trovare tale alternativa non è facile, e per quanto mi riguarda la ricerca continua ancora adesso a quasi un mese dallo stop ufficiale del servizio di Reader. Questo ennesimo tradimento da parte di Google brucia ancora, ma il mercato dei lettori RSS/Atom è fortunatamente più vivo che mai così come la speranza di abbandonare persino il ricordo dell’unico prodotto di Google - ricerca web a parte - di cui mi sia mai importato qualcosa.

Google ha ucciso Reader perché il servizio non era più utile alla strategia aziendale aggiornata di Mountain View - trasformare l’utente in un ostaggio delle inaffidabili, transitorie e pericolose nuvole dei servizi “cloud” - e chi come me dipendeva quasi esclusivamente dal tool per la sua esperienza web quotidiana non ha potuto far altro che attendere la fine sino all’ultimo giorno utile. Inutile dirlo, una parte del tempo passato dal primo annuncio della chiusura di Reader fino al 1o luglio è servita per guardare altrove, sperimentare soluzioni alternative e installare nuovo software sul PC.

La scomparsa di Reader ha scatenato una vera e propria corsa ad accaparrarsi i milioni di utenti abbandonati da Google, una corsa che ha prevedibilmente coinvolto anche i principali concorrenti di Mountain View nell’economia di rete. Al che io ho già risposto no, grazie: lo shock della chiusura di Reader evidenzia il rischio di affidarsi a una grossa corporation senz’anima per una cosa così importante, personale, persino “intima” come il tenersi aggiornati sui siti web di proprio interesse. Digg Reader? Neanche per sogno, il prodotto è acerbo e ti obbliga a fare il login su un social network per accedere al servizio.

Hitler avrebbe dichiarato guerra a Google, e avrebbe avuto ragione

Separare il cazzeggio su Facebook dalla lettura “professionale” dei contenuti web è esattamente la ragione per cui un lettore di feed RSS/Atom è uno strumento fondamentale ora più che mai, e finché le grandi corporation non lo capiranno - focalizzate come sono a trasformare qualsiasi tipo di esperienza on-line in una condivisione “social” con perfetti sconosciuti - io mi rivolgerò altrove. La mia idea sarebbe quella di tornare a usare un servizio di consultazione feed on-line, ma a quanto pare questa possibilità è (parzialmente) inaccessibile all’attuale configurazione software del mio sistema.

Una delle alternative più interessanti - e meno confusionarie, limitate o inutilmente elaborate - a Reader che ho avuto modo di provare è The Old Reader (TOR), un servizio che si rifà al defunto servizio di Google sin dal nome. Il test ha però avuto esito negativo, perché TOR ha tempi di aggiornamento dei feed biblici - assolutamente inadatti alle mie esigenze - e una infrastruttura hardware inadeguata a sostenere l’esplosione di popolarità seguita alla chiusura di Reader. E Feedly? Il servizio che molti considerano come il nuovo feed reader ideale migliora di continuo ascoltando le richieste della community, ma sulla versione di Firefox che uso attualmente non ne vuole proprio sapere di funzionare.

Aggiornare il browser, ho già spiegato in passato, è una di quelle operazioni che richiedono tempo e fatica e che tendo a ritardare quanto più è possibile. Una veloce prova con Firefox Portable mi ha convinto del fatto che Feedly ha potenzialità notevoli che meritano di essere valutate con attenzione, e in attesa di un upgrade del browser l’unica alternativa che mi resta è quella di usare un feed reader esterno, un client software che necessita dell’installazione sul sistema prima di cominciare a macinare centinaia e centinaia di aggiornamenti di feed al giorno.

Google Reader R.I.P.

Google, non verrai MAI perdonata per questo

Dopo qualche mese di prove, installazioni e frustrazioni dovute a una categoria di software che sembra essere affetta dalla presenza congenita di ogni genere di idiosincrasia anti-utente, la mia ricerca tra i lettori di feed per desktop mi ha fatto conoscere FeedReader - un software semplice, sin troppo semplice e dalle dinamiche molto poco comprensibili - RSSOwl - non funziona, punto - QuiteRSS - software valido e funzionale ma pesante come un mattone - e infine FeedDemon, popolare feed reader per Windows che per volere dello sviluppatore seguirà lo stesso destino di Google Reader.

Fortunatamente una applicazione per computer non è un servizio “cloud”, e anche se il suo creatore decide di abbandonarne lo sviluppo quell’applicazione continuerà a funzionare senza problemi finché l’utente lo vorrà o non interverranno cause esterne a impedirlo. FeedDemon è perciò il mio nuovo lettore di feed dell’era post-Google Reader, una soluzione tampone in attesa di poter usare Feedly - nella sua nuova versione accessibile da indirizzo Web - e che ha più o meno tutto quello che serve a un news-junkie senza possibilità di redenzione come il sottoscritto. Google Reader è morto, lunga vita ai feed reader!

Read this post in English

Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

6 Risposte a “La triste esperienza della chiusura di Google Reader”

  1. lupoalberto12 il 31 Luglio 2013 12:50

    Mi unisco al tuo “lamento”.
    Anche io a distanza di un mese dalla chiusura di Reader lo rimpiango ma sto cercando di adattarmi a “Feedly”: diciamo che dopo un mese sono quasi riuscito a capire come funziona la sua “strana” gestione dei feed “Preferiti” e di quelli “Da leggere”, sopratutto con l’app smartphone/tablet.

    Per la questione che non ti funziona con la tua versione di Firefox, quale versione utilizzi?
    Io riesco a visualizzarlo benissimo su “Firefox Nightly x64″, il che è tutto dire.
    Ciao!
    ! :) !


    Browser Firefox 25.0 Firefox 25.0 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:25.0) Gecko/20130729 Firefox/25.0
  2. Emanuele il 31 Luglio 2013 16:35

    Mah, io come ho già detto ho smaltito la rabbia dopo aver visto che i sostituti si sono rivelati più che validi e, soprattutto, mi danno l’impressione che a differenza del prodotto di bigG continueranno la loro continua evoluzione invece di restare abbandonati a se stessi… io mi sono stabilizzato su InoReader ma chissà che in futuro Feedly non riesca a convincermi (basterebbero pochi aggiustamenti qua e là)… il vero problema sarà quando (spero almeno fra un annetto) dovrò sostituire Opera -_-

    PS
    ma giusto in estate hai ricominciato a pubblicare?


    Browser Opera 9.80 Opera 9.80 sull'O.S. Windows XP Windows XP
    Opera/9.80 (Windows NT 5.1) Presto/2.12.388 Version/12.15
  3. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 31 Luglio 2013 19:00

    @lupoalberto: uso Firefox 3.6.16, e http://cloud.feedly.com/ si limita ad aprire una pagina bianca e stop. Vedremo con il prossimo upgrade (credo vicino, perché troppe cose cominciano a non funzionare come dovrebbero)…

    @Emanuele: InoReader me l’hanno indicato anche sulla versione inglese del blog, magari gli do un’occhiata pure io. Riguardo a Opera, da quello che ho capito anche le future versioni di Firefox faranno una fine a dir poco di cioccolato (fusione obbligatoria di barra di ricerca e barra degli indirizzi per me orripilante, nuova UI demente a prova di idioti ecc.). Qua mi sa che è il caso di tornare a Internet Explorer….

    E si, a luglio e agosto qua non si chiude baracca (né si va al mare, porca zozza) quindi tanto vale svuotare il mostruoso backlog che ho accumulato per il blog. Così poi ho tempo di tornare a giocare a Diablo II e di mettermi a scrivere racconti horror/sci-fi :-P


    Browser Firefox 3.6.16 Firefox 3.6.16 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 6.0; it; rv:1.9.2.16) Gecko/20110319 BTRS35926 Firefox/3.6.16
  4. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 5 Agosto 2013 01:53

    Well, sembra che The Old Reader non sia (ancora) morto in via definitiva….

    http://www.ghacks.net/2013/08/04/the-old-reader-isnt-dead-yet/


    Browser Firefox 3.6.16 Firefox 3.6.16 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 6.0; it; rv:1.9.2.16) Gecko/20110319 BTRS35926 Firefox/3.6.16
  5. lupoalberto12 il 2 Settembre 2013 15:33

    @Sir Arthur, King of Ghouls’n Ghosts: sono uscite 20 versioni di Firefox, credo proprio sia l’ora di aggiornarlo, non solo per la compatibilità con i siti ma anche per una questione di sicurezza.
    Mi spieghi il motivo per cui non farlo?

    Io troverei anche un paio di orette per passare da Vista a 7, il tuo portatile ti ringrazierà.
    Ciao!
    ! :) !


    Browser Firefox 26.0 Firefox 26.0 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:26.0) Gecko/20100101 Firefox/26.0
  6. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 3 Settembre 2013 01:15

    Io aggiorno raramente perché sono un metodico, e un metodico ha parecchie estensioni salvate nei loro bei singoli file .xpi che con un nuovo Firefox vanno nella migliore delle ipotesi sostituite con qualcosa di alternativo. Nella peggiore non esistono più.

    Vuoi sapere quanto tempo ci ho messo l’ultima volta che ho aggiornato sistema operativo? 20 giorni, ci ho messo. Ho un file .txt da 268 Kbyte con i link da visitare, i programmi da installare, le cose da vedere. Da qualche parte (non molto lontano) c’è pure l’installazione della nuova versione di Firefox. Quando ci arrivo aggiorno :-P


    Browser Firefox 3.6.16 Firefox 3.6.16 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 6.0; it; rv:1.9.2.16) Gecko/20110319 BTRS35926 Firefox/3.6.16

Lascia una risposta