Videogame highlights – marzo 2013

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze I giochi in single-player sono morti, ancora una volta: la ridicola fesseria senza senso è ora sostenuta da Cevat Yerli, CEO di uno più che famoso studio di sviluppo (Crytek) che vorrebbe passare il resto della sua vita a realizzare giochi free-to-play e titoli sempre connessi anche quando si gioca da soli. L’idea è ridicola, naturalmente, e i coglioni disposti a ripetere idiozie nella speranza che qualcuno ci creda saranno sempre e comunque costretti a fare i conti con la realtà delle scelte di design sbagliate, degli hack impietosi e dei lanci disastrosi.

Assassin’s Creed IV: Black Flag

Dopo Assassin’s Creed III e la sua Rivoluzione Americana, il nuovo episodio della serie action-adventure di Ubisoft avrà per protagonista un assassino che di mestiere fa il pirata – o un pirata addestrato dagli assassini, fate voi. Assassin’s Creed IV: Black Flag vedrà il ritorno della doppia natura avventuroso-fantascientifica tipica della saga ma offrirà un gran numero di nuove opportunità di gioco incluse la caccia allo squalo, le bordate tra navi pirata e altro ancora. Disponibile da ottobre 2013 per PC Windows, PS3, Xbox 360 e PlayStation 4. Nota: i trailer seguenti sono in italiano, seguire i link indicati per le versioni in lingua inglese.

Broken Age

Il gioco precedentemente noto solo come una generica “Double Fine Adventure” ha finalmente un titolo e un sito web tutti suoi: Broken Age è il lavoro risultante dallo straordinario successo della campagna di crowdfunding di Tim Shafer e sodali, una avventura grafica punta&clicka incentrata su due vite parallele con lo stesso desiderio di evadere da una realtà precostituita. La grafica del gioco è stilosa, la fase di sviluppo è stata intensa e il momento della release è prossimo. Disponibile presto (secondo trimestre del 2013) su PC (Windows, Linux, Mac) e giocattoli mobile per bambini scemi (iOS, Android).

Dreamfall Chapters: The Longest Journey

Come Broken Age, anche il terzo episodio della serie The Longest Journey è un gioco d’avventura ed è stato finanziato con successo su Kickstarter. Diversamente dal titolo Double Fine, però, Dreamfall Chapters: The Longest Journey userà una grafica completamente 3D per narrare la sua storia (si spera piena di enigmi) sospesa fra due mondi paralleli che si incontrano là dove cominciano i sogni. In uscita su PC (Windows, Linux, Mac) a novembre 2014.

Rain

Sviluppato dal team nipponico di PlayStation C.A.M.P!, rain è un titolo action-adventure di fantasmi sotto la pioggia dove le silhouette dei personaggi scompaiono nelle sezioni all’asciutto. Il protagonista del gioco è un ragazzo che entra nel mondo spirituale alla ricerca di una bambina-fantasma perseguitata da ecto-cani e altre bestie eteree, e che diviene a sua volta preda (quasi) invisibile delle suddette ecto-bestie. In uscita in digital delivery su PlayStation Network entro il 2013.

Shadowrun Returns

Shadowrun Returns è l’ennesimo titolo nato grazie al successo della relativa campagna di crowdfunding su Kickstarter, e come prova il primo video dimostrativo registrato con una versione alpha si tratta di un prodotto in cui i sostenitori hanno fatto bene a investire: il gioco che ha il compito di rinverdire i fasti degli RPG a turni non avrà probabilmente alcuna difficoltà a vincere la costosa scommessa degli sviluppatori. In uscita su PC (Windows, Linux, Mac) e lavagnette luminose per bambini scemi (tablet iOS, Android).

Shadowrun Returns - screenshot 1Shadowrun Returns - screenshot 2

Shadowrun Returns - screenshot 3Shadowrun Returns - screenshot 4

The Witcher 3: Wild Hunt

Lo sviluppatore polacco CD Projekt RED è di nuovo al lavoro sulla serie action-GDR The Witcher, con un terzo capitolo destinato a concludere una trilogia. The Witcher 3: Wild Hunt sarà basato su una tecnologia tutta nuova che è evidentemente degna della next-gen videoludica, e oltre a una grafica 3D francamente oscena per quanto è dettagliata ci sarà spazio per un mondo 30 volte più ampio rispetto ai giochi precedenti, tante cose da fare (o da uccidere) e tre diversi epiloghi con 300 particolari alterati dalle scelte compiute dal giocatore. In uscita nel 2014 su PC Windows e PlayStation 4.

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 1The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 2The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 3

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 4The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 5The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 6

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 7The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 8The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 9

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 10The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 11The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 12

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 13The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 14

The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 15The Witcher 3: Wild Hunt - screenshot 16

Zeno Clash II

Assurdo, bizzarro, strano: tutto questo e molto altro è Zeno Clash II, action-GDR-beat’em up
in prima persona sviluppato da ACE Team e pubblicato da Atlus che di bizzarrie se ne intende (Trine). Il gioco offrirà nuove combo, armi e personaggi rispetto al primo capitolo, oltre a una nuova modalità multi-player e statistiche in stile RPG. In uscita su PC (Windows), PS3 e Xbox 360 entro la fine del mese.

Read this post in English

Post simili:

4 commenti

  • Emanuele

    A questo giro è stata un’infornata davvero piena per i miei gusti 😀 … direi che Broken Age sarà il primo della lista e vediamo se, tempo e portafoglio permettendo, riesco a farci stare anche qualcos’altro 😛

    strano invece che AC abbia tagliato la PS3 … accordi specifici con Sony o i soldi gli fanno schifo? XD

    Edit: no, sono stonato io che avevo letto solo PS4 O_o

  • Beh, visto che AC è una mucca che Ubisoft ha deciso di spremere con cadenza annuale, sarebbe stato folle pensare di farlo uscire solo sulle console next-gen.

    Personalmente sono più interessato a Shadowrun Returns e Zeno Clash (II) che a Broken Age, visto che il particolare stile grafico scelto dalla Double Fine non mi impressiona in maniera particolare….

  • Emanuele

    Inizialmente anche io non gradivo particolarmente queste grafiche… ma ora mi danno abbastanza assuefazione a dire il vero… e poi un punta&clicca non si può ingnonare facilmente 😛

    Nel frattempo è uscita la nuova versione di 0 A.D. … sempre più interessante 😀

  • Beh ignorare Broken Age proprio no, direi che è secondo-terzo sulla lista delle mie priorità a medio termine – ed è già tanto, credimi 😛

    0 A.D.? Azz, e chi lo conosceva…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *