Ciao Interfree, e grazie per tutto il pesce!

Babel fish - Un'interfaccia mentale tra la sensibilità di Sir Arthur e gli avvenimenti del mondo esterno. E anche tutto il resto Sono abituato a portarmi dietro gli account Internet “storici” anche se non hanno più alcuna reale utilità, perché per me una delle cose più importanti è la “retrocompatibilità” e il supporto di tutti gli indirizzi e-mail aperti in passato nel caso (ancorché remoto) in cui qualcuno decidesse di contattarmi lì. Ho dunque appreso con parecchio fastidio la notizia della trasformazione dei servizi gratuiti di Interfree in prodotti professionali a pagamento, transizione che avverrà a partire da oggi e che avrà come effetto pratico la disabilitazione della mailbox e dello spazio web sin qui offerti a costo zero agli utenti.

Interfree ha un’importanza sentimentale per il sottoscritto visto che è stato il primo provider di cui mi sono servito, all’inizio degli anni 2000, per accedere a Internet da casa tramite connessione analogica (56K) al POP (Point of Presence) più vicino e al “solo” costo di una chiamata urbana (…). Col tempo ho registrato anche un account di posta elettronica @interfree.it, e mi sono infine servito del piccolo spazio web gratuito offerto dal provider per mettere su uno sgorbio di pagina web su cui ospitare un mio vecchio progetto personale, il Sound Blaster 16 Emulation Bootdisk.

Le FAQ di Interfree sostengono che da oggi primo marzo la mailbox e lo spazio web saranno disabilitati, mentre il POP analogico per l’accesso alla rete continuerà a funzionare come prima – almeno per il momento. Non che la usassi granché, la mailbox, giusto un paio di newsletter che da anni considero solo spam e da anni pianificavo di disattivare. Per quanto riguarda il bootdisk dell’emulazione SB16 su scheda sonora Sound Blaster Live!, poi, ho tutto conservato su HDD e ci sarà sicuramente occasione di riparlarne su queste pagine.

Spazio web Interfree

Non è colpa mia, questo era FrontPage…

Avere ancora a disposizione il POP per una connessione Internet di (estrema) emergenza è una buona cosa, nondimeno la decisione di Interfree di disabilitare i servizi gratuiti per quegli utenti che (non) li usano da un tempo quasi inimmaginabile per la moderna società interconnessa non mi fa piacere neanche un pò. Di certo non pagherò un singolo centesimo per qualcosa che non mi serve assolutamente a niente tranne appunto per la questione retrocompatibilità di cui parlavo all’inizio. Addio, dunque, Interfree, e grazie per tutto il pesce…

Read this post in English

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *