Xenon 2 e DRM, danni quasi irreparabili?

6 Febbraio 2012 · Archiviato in Approfondimenti, Emulazione & Retrogaming 

Approfondimenti - Una lente impietosa puntata sui temi caldi, retrospettive appassionate e dettagliate, riflessioni oltre le apparenze Le tecnologie DRM (Digital Rights Management) e la loro perniciosa tendenza a rovinare la giornata ai videogiocatori su PC sono costantemente al centro del dibattito videoludico, e quasi tutti danno per scontato che si tratti di un problema contemporaneo non riguardante affatto i titoli del passato. Niente di più falso: magari qualche anno fa (o molti anni fa) si chiamavano più banalmente “protezione alla copia”, ma le restrizioni DRM continuano a far danni anche tra coloro che si dilettano nella nobile arte del retrogaming o sono interessati alla preservazione dei contenuti digitali.

Ho avuto riconferma della perdurante minaccia delle DRM nei confronti dei giochi, dei giocatori e della memoria storica dell’industria videoludica dopo aver recuperato una vecchia copia di Xenon 2: Megablast, glorioso shoot’em up a orientamento verticale creato dai Bitmap Brothers e uscito (su PC) tra il 1990 e il 1991. Posseggo già il gioco in altre versioni maggiormente abbordabili per i sistemi moderni, ma questa copia (vinta in un’asta su eBay) era la prima per me a contenere il gioco su floppy disk da 3 pollici e mezzo a doppia densità (720 Kilobyte).

Xenon 2 Megablast - floppy, manuale e scatola

A una prima occhiata il gioco sembrava essere in buone condizioni, un singolo floppy disk e un manuale apparentemente originali ad alimentare la speranza che tutto sarebbe filato liscio una volta inserito il disco nel mio fidato FDD USB della TEAC (brandizzato IBM). E invece no: provando a far partire il gioco sotto DOSBox o Windows (Vista), tutto quello che sono riuscito a sperimentare è stata un’immagine introduttiva del publisher e poi lo spiacevolissimo messaggio “Key disk not found” visualizzato sullo schermo.

Qualsiasi cosa abbia provato in seguito si è rivelata inutile, il gioco non ne voleva sapere di partire sia che montassi (su DOSBox) l’immagine disco creata con WinImage (”Key disk not found”), provassi a far partire il PC con un bootdisk basato su MS-DOS 6.22 o 7/WinME (file system del floppy alterato, BIOS UEFI incompatibile?) o semplicemente mi limitassi a copiare i file dal floppy a una directory del disco fisso mantenendo il floppy disk nel drive (”Key disk not found”).

Xenon 2 Megablast - errore DOSBox

Da quello che ho potuto capire dagli indizi raccolti dopo un breve periodo di ricerca in rete, la versione originale di Xenon 2 dovrebbe essere blindata dal sistema Copylock realizzato da Rob Northen, un nefasto pezzo di codice della cui creazione il suddetto programmatore si compiace in un’intervista recente. Il mio obiettivo, naturalmente, non era poter giocare a Xenon 2: per quello c’è sempre l’imbarazzo della scelta tra le copie disponibili nel mio archivio di software o quelle scaricabili dagli ottimi siti di abandonware on-line.

No, il mio obiettivo era riuscire a garantire la piena funzionalità di quella particolare copia su floppy disk venuta recentemente in mio possesso. Fortunatamente, almeno in questo caso, gli stessi creatori del gioco mi hanno prestato soccorso grazie a una vecchia patch presente sul loro (altrettanto vecchio) sito web: la patch è pensata per risolvere un problema completamente diverso, ma sostituendo il file eseguibile con quello contenuto nell’archivio ho finalmente trasformato un software malfunzionante nel gioco che ricordavo: dita affaticate, difficoltà elevata e soundtrack ossessiva oscenamente riprodotta dal buzzer virtuale di DOSBox.

Xenon 2: Megablast - screenshot 1 (DOSBox)Xenon 2: Megablast - screenshot 2 (DOSBox)Xenon 2: Megablast - screenshot 3 (DOSBox)

Alla fine di questa breve storia resta ancora qualche interrogativo aperto che sicuramente proverò a risolvere in futuro: il floppy disk è stato in qualche modo alterato dal precedente proprietario? Perché il settore di boot contiene riferimenti ai file di avvio di PC-DOS? Il gioco si comporterebbe in maniera diversa su un FDD “reale” connesso a una porta floppy nativa sulla motherboard, magari con sistema operativo MS-DOS installato sul disco fisso?

Quello che mi preme ora sottolineare è l’idea che le DRM non sono solo un fastidioso problema per il presente: le perniciose limitazioni alla libera copia e alla libera archiviazione dei giochi rappresentano una minaccia persistente al passato oltre che al futuro dei videogame. Finché ci sarà la possibilità di ricorrere all’abandonware, al lavoro di archivisi e retrogamer cocciuti o a servizi “DRM free” come GOG.com i bit videoludici saranno salvi, ma se e quando i sistemi anti-utente controllati da remoto saranno considerati l’unica via possibile per vendere giochi tutto potrebbe essere perduto.

Read this post in English


Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Commenti

4 Risposte a “Xenon 2 e DRM, danni quasi irreparabili?”

  1. Engelium il 6 Febbraio 2012 15:05

    Le protezioni anticopia dei vecchi games meriterebbero un proprio museo … possiedo tutt’ora alcuni sistemi che definire cervellotici è poco… Un vecchissimo gioco di golf ad esempio che prima di poter essere giocato ti costringeva ad inserire codici e colori per 10 minuti seguendo un manuale cartaceo… ah quanto l’ho maledetta quella protezione

    Anzi alla fine le DRM sono anche meno fastidiose… ti basta un crack e passa la paura (beh, oggi almeno… un tempo senza internet e Google non era proprio così immediato :P )

    Comunque sei anche fortunato che quel floppy funzi ancora… io non li conto nemmeno i vecchi supporti ormai smagnetizzati


    Browser Opera 9.80 Opera 9.80 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Opera/9.80 (Windows NT 6.1; U; it) Presto/2.10.229 Version/11.61
  2. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 6 Febbraio 2012 17:55

    Boh, finora quasi tutti i giochi basati su floppy che ho comprato mi funzionano :-P

    Il caso peggiore di “morte magnetica” ™ l’ho riscontrato con una copia di Mortal Kombat II distribuita su qualcosa come una decina di floppy ad alta densità. Non ti dico la moria di dischi XD

    In tanti altri casi, però, mi è andata decisamente meglio. Non che sia una scusa: prima mi impegno in un super-lavoro di backup e documentazione che progetto da eoni e meglio è….


    Browser Firefox 3.6.16 Firefox 3.6.16 sull'O.S. Windows Vista Windows Vista
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 6.0; it; rv:1.9.2.16) Gecko/20110319 BTRS35926 Firefox/3.6.16
  3. Engelium il 6 Febbraio 2012 20:27

    stessa cosa per me con, se non ricordo male, f22 … gioco distribuito su 15 floppy di cui almeno la metà sono ormai contenitori vuoti… però fanno sempre la loro porca figura :D


    Browser Opera 9.80 Opera 9.80 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Opera/9.80 (Windows NT 6.1; U; it) Presto/2.10.229 Version/11.61
  4. lorenzo il 12 Febbraio 2012 22:45

    dando per scontato che il precedente proprietario non abbia modificato o danneggiato il contenuto, sarei curioso di vedere se il floppy di Amiga fosse in grado di leggerlo ed estrarne un’immagine corretta..


    Browser Firefox 10.0 Firefox 10.0 sull'O.S. Windows 7 Windows 7
    Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:10.0) Gecko/20100101 Firefox/10.0

Lascia una risposta