Link & Segnalazioni # 7: compleanni videoludici, pirati, idioti dell’industria, nanometri e super-console

12 Febbraio 2009 · Archiviato in Babel fish, Link & Segnalazioni 

Babel fish - Un'interfaccia mentale tra la sensibilità di Sir Arthur e gli avvenimenti del mondo esterno. E anche tutto il resto Se la tecnologia tende a proiettarsi costantemente in avanti lasciando poco spazio al ricordo di prodotti popolarissimi solo fino a poco tempo addietro, Jake Gyllenhaal nei panni del Principe di Persia è convincente quanto un cactus in un melodramma. Se Doom è un videogame storico che merita di essere ricordato nel giorno del suo compleanno, i pirati si dimostrano ancora una volta gli unici in grado di salvare il mondo dei media dalla presente follia delle DRM. E se la lettura di questo paragrafo ha per voi un senso allora io consiglierei una visita da uno psichiatra, ma di quelli bravi. O la lettura di un buon libro di grammatica. Io sono esonerato almeno dalla seconda :-P

  • 15 anni all’inferno. Il 10 dicembre scorso ha marcato l’anniversario dell’uscita di Doom, il videogame per PC che per molti è stato “l’inizio di tutto”. Personalmente già rompevo tastiere e collezionavo virus da qualche anno prima, ma è indubbio che lo sparatutto di id Software meriti un posto d’onore nella lista dei software di intrattenimento più importanti di sempre. Ora non posso che dire due cose: A) Prima o poi lo giocherò dall’inizio alla fine, Doom, ovviamente sulla mia partizione MS-DOS 6.20 :-P B) IDDQD, IDKFA, e ora fatevi sotto :-D Offworld goes to hell.
  • La grafica ASCII prima di Internet. Da vecchio utente DOS ho una buona esperienza con le riproduzioni grafiche per mezzo di caratteri testuali, e ben mi ricordo certe opere d’arte che spesso e volentieri accompagnavano le versioni “warez” dei giochi e del software che il mio spacciatore di fiducia mi procurava prima che Internet fosse alla portata delle mie sordide mani. Però non immaginavo ci fosse chi provava a disegnare in ASCII con le macchine da scrivere nell’età preistorica in cui non esistevano i computer. Proprio vero che non si finisce mai d’imparare… ASCII Art: Older Than The Internet.
  • Il formato VHS è ufficialmente morto. Il vecchio standard delle videocassette a nastro magnetico ha cessato di esistere come prodotto quando l’ultimo grossista ha annunciato al Los Angeles Times di averla fatta finita con le VHS dopo l’ultimo Natale. Quindi la prossima volta mi toccherà comprare un lettore combo Blu-ray/VHS per continuare a “godere” la bassissima risoluzione della mia copia originale della (prima) trilogia di Guerre Stellari. Oh beh, come passa il tempo… R.I.P: VHS officially dead.
  • Intervista al Principe di Persia di Disney. Dopo le immagini rubate sul set dello spin-off della celebre saga videoludica, nei mesi scorsi ha fatto la sua comparsa on-line il primo dietro le quinte inclusivo di intervista a Jake Gyllenhaal, poco convincente attore protagonista del film in arrivo per il 2010. Continuo a ripetere che se Hollywood sbaglia col Principe qualche testa salta, e non solo metaforicamente :-P Jake interview and first video footage.

  • Intel si prepara per le CPU a 32 nanometri. La tecnologia dei processori è certamente una di quelle che, come detto all’inizio, corre a velocità insostenibili per qualsiasi altro prodotto. Così mentre IBM sostiene di essere avanti di almeno due anni al concorrente con un processo produttivo pronto per i 22 nanometri, Intel ha annunciato di aver completato lo sviluppo delle sue nuove CPU a 32 nm, nome in codice Westmere, evoluzione architetturale di Nehalem/Core i7 in arrivo per il 2010. Oltre alla riduzione delle dimensioni dei transistor, Westmere sarà caratterizzato dall’integrazione nel die del processore del controller grafico, ennesimo componente della motherboard a essere “assimilato” dalla CPU dopo che Nehalem aveva fatto lo stesso con il controller della memoria. Intel completes 32-nanometer chip development & Intel gives details on new 32nm Westmere processors.
  • L’eterna figuraccia del management di Electronic Arts. Che EA e le altre megacorporazioni dei videogame siano guidate da degli emeriti imbecilli è un dato di fatto oramai assodato. Ma le idiozie che fanno le pagano care, come meritano: la class action contro le DRM di Spore procede e si ingrossa, Melissa Thomas non è più della partita ma in compenso la società di rappresentanza legale KamberEdelson (che l’ha già fatta pagare a Sony per il suo schifoso rootkit sui CD-Audio) continua ad ammassare querelanti contro le tecnologie anticopia usate da EA nei suoi giochi. Spore, naturalmente, è stato il gioco più piratato del 2008, e altrettanto naturalmente è stato spogliato di SecuROM (la tecnologia DRM di cui sopra) quando è apparso su Steam. Se non è un comportamento da imbecilli questo… EA SecuROM Suits Moving Forward & Spore the Most Pirated Game of 2008 & EA Is Now Officially On Steam, Spore Loses SecuROM.
  • Piracy is good. La “pirateria”, quando non è fatta a scopo di lucro, è una cosa meravigliosa. I pirati (sottoscritto incluso) permetteranno la nascita di un nuovo regime (legittimo) di distribuzione dei contenuti, forzeranno l’industria a riconsiderare il copyright, salveranno il patrimonio della cultura digitale per i posteri e lo libereranno dalla follia delle DRM, democratizzeranno la conoscenza e la consapevolezza che il mondo è cambiato. Per sempre. La BBC se n’è accorta, ora sotto a chi tocca. Sarete assimilati tutti, uno dopo l’altro. La resistenza è inutile. BBC Relies on ‘Pirate’ Audio To Bring Back Lost TV Show via Digg.
  • 200 PlayStation 3 crackano SSL. La PS3 non sarà proprio il massimo quando si tratta di videogame, ma di certo la console Sony ha dalla sua una potenza computazionale bruta non indifferente. Prova ne è il fatto che un gruppo di hacker ha usato PS3 per sfruttare una falla nell’algoritmo di hashing MD5 e confezionare una Certification Authority (CA) con cui poter creare i propri certificati SSL, potenzialmente malevoli se in mano ai cyber-criminali. Per avere successo il crack ha richiesto 6 mesi e un cluster di 200 PS3 operanti in parallelo, ma il risultato finale è indubbiamente di primaria importanza. PlayStation 3 used to hack SSL, Xbox used to play Boogie Bunnies via Digg.

Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

Lascia una risposta