Microsoft sentenzia: Wii ha vinto la partita. Ma Xbox 360 costa meno

8 Settembre 2008 · Archiviato in Notizie, Videogaming 
Questo articolo è parte della serie Console war

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal WebIn una candida ammissione di impotenza nei confronti della macchina sforna-soldi in cui si è trasformata la console Wii, il vice-presidente senior della divisione Interactive Entertainment Business di Microsoft Don Mattrick ha detto chiaro e tondo che il grosso delle vendite delle home console di settima generazione sta ingrossando e continuerà a ingrossare il già gonfio portafogli di Nintendo.

Non sono nella posizione di poter dire che riusciremo a battere Nintendo“, ha dichiarato Mattrick in una intervista a BusinessWeek sul futuro strategico e commerciale di Xbox 360. Tanta è la distanza che la casa giapponese ha frapposto tra se e i rivali, sottintende l’executive Microsoft, da essere diventata incolmabile in meno di due anni di permanenza sul mercato e nonostante il vantaggio temporale di Xbox 360, in commercio già dal 2005.

Tra i motivi di una tale, perentoria supremazia vengono naturalmente citati il rivoluzionario controller wireless di Wii e la strategia Nintendo di mirare alla conquista di audience ancora vergini al videogaming, strategia rivelatasi vincente e che ha attirato e continua ad attirare utenti e giocatori che ben difficilmente avrebbero impugnato un joypad per giocare all’ultimo capitolo di Resident Evil o Metal Gear Solid. Secondo le stime aggiornate, ad oggi Nintendo Wii ha venduto quasi 32 milioni di console, Xbox 360 20,5 milioni e PS3 15 milioni in tutto il mondo (fonte: VG Chartz.com).

Home console - vendite

Nintendo ha vinto la console war, e questo è un fatto. Quello che è ancora incerto, ed è stato l’altro tema affrontato da Mattrick nell’intervista, è chi si aggiudicherà il secondo posto alla fine della corsa di questa generazione. “Venderemo più console di Sony“, dice convinto l’executive, preannunciando che nella strategia Microsoft per la seconda giovinezza di Xbox 360 ci sono il casual gaming che ha reso di nuovo grande Nintendo, i sempre più popolari servizi di download di contenuti multimediali da fruire direttamente sulla console e soprattutto un taglio di prezzo sostanziale per i territori NTSC come per quelli PAL.

Dal 5 settembre la versione “Core” di Xbox 360 costa 200 dollari negli Stati Uniti, 200 euro in Europa (dove è venduta con il nome commerciale di “Arcade”) e 19.800 yen (circa 125 euro) in Giappone nell’edizione senza hard disk. Al confronto Wii costa 250 dollari negli USA, 250 euro in Europa e 25.000 yen in Giappone, mentre PS3 è la più dispendiosa del lotto arrivando a costare un minimo di 400 dollari negli USA, 400 euro in Europa e 39.800 yen in Giappone.

Dunque Xbox 360 è la console più economica attualmente in commercio: assieme al taglio di prezzi per la versione base, Microsoft ha dato una sforbiciata anche a quelli delle edizioni lusso ed extra-lusso “Premium” ed “Elite”, con quest’ultima che arriva a costare come la versione base di PS3 offrendo al confronto (tra le altre cose) un hard disk da 120 Gigabyte contro gli 80 GB della concorrente. La convenienza di Xbox aumenta se si considera che non sono stati annunciati tagli di prezzo né da parte di Sony né di Nintendo, situazione che rende la macchina Microsoft la candidata ideale all’acquisto per le prossime vacanze natalizie.

Xbox 360 Arcade - box

Sfoglia la serie«PlayStation 3 è e sarà costantemente in perditaXbox 360 costa (ancora) meno in Europa. E vende meglio di Wii in Giappone»
Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

Lascia una risposta