DeathSpank si mostra al Penny Arcade Expo… E dove sono le scimmie?!?

1 Settembre 2008 · Archiviato in Notizie, Videogaming 

Notizie - Una carrellata di notizie fresche e di qualità, dentro e fuori dal Web Mancano pochi mesi ormai, e il frutto del ritorno di Ron Gilbert sulla scena del videoludo che conta dovrebbe fare la sua comparsa nei meandri della rete. Niente enigmi assurdi conditi da aspiranti pirati e scimmie a tre teste questa volta, ma una formula innovativa che vuole far incontrare i gameplay antitetici degli adventure e degli hack and slash più frenetici.

Gilbert, geniale game designer con l’umorismo nelle vene che in vita sua ha creato capisaldi dell’intrattenimento quali Monkey Island, Maniac Mansion e lo script engine SCUMM alla loro base, ha partecipato al Penny Arcade Expo tenutosi nello stato di Washington tra il 29 e il 31 agosto presentando DeathSpank, action-adventure che lo stesso autore ha descritto come “quello che può essere definito solo come la perfetta mistura di un’avventura grafica in stile Monkey Island e il perfido gameplay RPG di Diablo“.

Annunciato dal designer sul suo blog, Grumpy Gamer, nel gennaio scorso, DeathSpank è a oggi un perfetto mistero se si esclude la descrizione di Gilbert, che oltre a presentare sommariamente quello che dovrebbe essere il gameplay del gioco e a promettere di trasformare ancora una volta il business videoludico (o almeno a offrire qualche buona idea provandoci), descrive la ben poco calorosa accoglienza del progetto da parte delle software house a cui lo ha presentato nel corso del tempo.

DeathSpank

Tutti lo odiavano - dice Gilbert - Ma la cosa più bizzarra è che più publisher lo rifiutavano, più io mi convincevo che si trattava di una grande idea. Ogni rifiuto mi ha incoraggiato con l’eccitazione e la consapevolezza di essere nel giusto. Nulla ti può dare il senso dell’innovazione e della creatività più della sicurezza armata che si presenta per scortarti fuori dal palazzo dicendoti ‘Cerchiamo di non provocare guai’“. La svolta per DeathSpank è arrivata con l’incontro tra il designer e la piccola software house canadese Hothead Games, per cui Gilbert ha prima fatto da consulente dell’adventure On the Rain-Slick Precipice of Darkness divenendo infine direttore creativo dell’intera baracca.

Ispirato da una clip a fumetti del febbraio 2005, DeathSpank è prima di tutto il risultato degli sforzi creativi di Gilbert e del suo storico collaboratore Clayton Kauzlaric. Pensato con una struttura a episodi come gli adventure game usciti negli ultimi mesi (Bone e Sam & Max in 3D su tutti), il gioco farà affidamento sullo “stile unico dello humour e della narrazione di Gilbert” e la ricerca ossessiva di nuovi oggetti, armi e armature tipica di Diablo.

I tre teaser presentati al PAX non mostrano nulla del gameplay, ma già dalla loro visione appare chiaro il tono generale della produzione assolutamente sopra le righe, lo humour nero (anzi rosso sangue), una colonna sonora amabile e la voglia di prendere in giro un’industria che ha chiuso da tempo le porte in faccia ai designer meno allineati al business e al dio denaro come colui che ha dato vita all’inimitabile personaggio di Guybrush Throotrott, err… Threepwood.

Assieme alle tre clip, Ron Gilbert anticipa anche che l’uscita del primo episodio di DeathSpank è prevista per un periodo non meglio precisato del 2009. Che sia forse il caso di prepararsi per l’improbabile scontro tra il terzo episodio di Diablo e quella che si preannuncia come la sua più clamorosa (e divertente) presa in giro?


La versione inglese di questo articolo è apparsa su Slashdot il 1o settembre 2008, generando sul blog un picco massimo quotidiano di 11014 visitatori unici e 12702 pagine visualizzate (fonte: LLOOGG).

Condividi questo articolo!
  • OKNOtizie
  • Facebook
  • Diggita
  • ZicZac
  • Wikio Italia
  • StumbleUpon
  • Technorati

Articoli correlati

Commenti

3 Risposte a “DeathSpank si mostra al Penny Arcade Expo… E dove sono le scimmie?!?”

  1. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 3 Settembre 2008 16:27

    Ah, e non so se lo hanno notato tutti, ma nell’immagine che ho allegato c’è scritto, in fondo, “The evil of devils cannot compare to evil of men because men are jerks - somejerk”, e cioè “Il male dei demoni non può competere con quello degli uomini perché gli uomini sono dei babbei - un babbeo” :-D


    Browser Firefox 2.0.0.16 Firefox 2.0.0.16 sull'O.S. Windows XP Windows XP
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.1; it; rv:1.8.1.16) Gecko/20080702 Firefox/2.0.0.16
  2. Engelium il 5 Ottobre 2008 00:12

    Non c’è storia… DeathSpank vince a mani basse… altro che Demoni ed arcangeli vari :P


    Browser Opera 9.52 Opera 9.52 sull'O.S. Windows XP Windows XP
    Opera/9.52 (Windows NT 5.1; U; en)
  3. Sir Arthur, King of Ghouls'n Ghosts il 5 Ottobre 2008 11:38

    Mettiamola così: anche solo per aver concretizzato in un videogame il sin troppo abusato ma sempre demente giochino dello scimmiottamento comico-umoristico della vocazione all’armamentario insita nel profondo dell’animo di chiunque abbia giocato a Diablo (….respira….), Gilbert merita un’ovazione.

    Se poi il giochillo è anche divertente allora sarà un capolavoro :-D


    Browser Firefox 2.0.0.16 Firefox 2.0.0.16 sull'O.S. Windows XP Windows XP
    Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.1; it; rv:1.8.1.16) Gecko/20080702 Firefox/2.0.0.16

Lascia una risposta